Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

9 June 2020

È una iniziativa senza precedenti, questo progetto di informazione e formazione dedicato al Sistema Museale Nazionale e affidato dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo alla collaborazione fra Direzione Generale Musei, Direzione Generale Educazione ricerca e istituti culturali e Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali.
Il Sistema Museale Nazionale è la rete di 5.000 musei e luoghi della cultura – pubblici e privati – collegati fra loro al fine di migliorare il sistema di fruizione, accessibilità e gestione sostenibile del patrimonio culturale. Fa capo alla Direzione generale Musei e nasce con l’obiettivo di una governance del patrimonio culturale improntata alla sostenibilità, all’innovazione e alla partecipazione: alla condivisione paritaria.
Per rafforzare la conoscenza e la consapevolezza di questo strategico strumento di gestione museale, per favorirne l’adesione da parte degli istituti e, quindi, per costruire una cultura diffusa e collaborativa sui temi della cura e gestione dei musei, parte un piano formativo decisamente impegnativo: per la sua diffusione geografica, per le risorse impegnate, per le professionalità coinvolte, per le metodologie e gli strumenti adottati, e per la portata innovativa di proposte, risposte soluzioni.

Il programma si compone di una parte informativa (Gli strumenti), ideata per presentare principi, finalità del nuovo modello di gestione e modalità di adesione allo stesso e di una parte formativa (L’officina), concepita per crescere collettivamente attorno a temi ritenuti strategici per la gestione museale.
Si inaugura la programmazione, il 10 e l’11 giugno, con le Giornate informative rivolte ai musei statali del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo di tutto il territorio. Seguiranno le edizioni rivolte ai musei statali non del Ministero e ii musei non statali, ricadenti in Regioni che hanno già o non hanno ancora aderito al Sistema.

Come è nella natura del Sistema Museale Nazionale – fondato sul fare rete tra musei e luoghi della cultura, da nord a sud, dal museo diocesano a quello militare – il progetto vede coinvolti in ogni sua fase una molteplicità di soggetti e interlocutori: Stato centrale, organi periferici del MiBACT, Regioni, Comuni e altri Enti locali, Università e istituti di formazione, organismi di rete, associazioni di settore, su tutto il territorio nazionale.
Ruolo centrale quello delle Regioni, protagoniste, da principio, di un attivo confronto su obiettivi e strumenti, cui è inoltre affidata l’attività di coordinamento organizzativo allo svolgimento del programma. Strategico anche il contributo di associazioni museali come ICOM, AMLI e AMEI in quanto snodi di rete imprescindibili per il raggiungimento di tutti..

E se l’ambizione profonda è che chiunque partecipa della vita di un museo conosca e condivida i valori del Sistema Museale Nazionale, allora la platea dei destinatari non può che essere numericamente ampia e soprattutto composita in quanto a categorie professionali raggiunte: direttori, funzionari amministrativi, comunicatori, curatori, responsabili dei servizi educativi, addetti alla vigilanza, addetti alla sicurezza, tutti sono invitati a partecipare al programma.

L’offerta formativa, ispirandosi agli ambiti su cui i musei aderenti al Sistema devono misurarsi, propone tuttavia temi e questioni di interesse trasversale a professioni e carriere e propone appuntamenti legati sì da un filo tematico ma non segnati da condizionanti propedeuticità. Gli strumenti formativi, infine, sono molti e diversificati, dai più tradizionali ai più innovativi e – in risposta all’imprevista emergenza sanitaria da Covid 19 – con un’importante sperimentazione dei mezzi di formazione a distanza.

Ma la formazione non finisce qui: con potenza germinativa, gli appuntamenti, i webinar, i video, i laboratori, i learning object, sono concepiti in modo tale da essere riusabili, modulabili, aggiornabili, fino a comporre una enciclopedia comune, una raccolta affidabile di strumenti di orientamento utile anche in futuro: linee guida, vademecum, cataloghi per una comunità museale diffusa.

Approfondimenti

Il Sistema museale nazionale
via alla pagina del sito della Direzione Generale Musei

Il progetto informazione e formazione per il Sistema museale nazionale
vai alla pagina sul nostro sito

L’immagine fotografica della campagna di comunicazione è una foto di Enzo Ragazzini – Museo Ettore Guatelli di Ozzano Taro (PR)