Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

Cultural business management:
a G20 network of training institutions

Training plays a key role in the success of the cultural heritage management sector as an engine of the socio-economic development of countries.

On the occasion of the first G20 Culture Ministerial, held in July 2021 in Rome, the Italian Ministry of culture and the Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali presented the proposal for a G20 network of institutions engaged in the field of training in the management of cultural heritage.

Cultural business management training

The proposal places investment in human capital and culture at the center of regeneration policies, in line with the strategic objectives of the G20 Culture and in full correspondence with the international agenda.

The Rome Declaration – a document signed by all the ministers of culture of the G20 countries at Palazzo Barberini on July, 30th 2021 – announces the ambitious project to “establish a G20 network of Cultural Business Management Training institutions, to strengthen the managerial capacities of cultural professionals, and to foster culture-driven economic and social development”, as stated in the Rome Declaration, art. 24.

Aims

An open, dynamic, widespread, and multidisciplinary network, which connects universities, higher education institutes, research bodies, international organizations in the field of cultural management in an institutionalized system of coordination and exchange, allows for the sharing of experiences and training courses: through information on models and methods and through the exchange of successful practice and experiences or the sharing of research paths or the facilitation of the mobility of professionals in the sector.

Steps

Survey. First identification of the training institutes of interest to the network through a questionnaire distributed to the focal points of each country: analysis and profiling.
Interviews. Through the direct dialogue with the institutions, we define the thematic areas of intervention and the joint initiatives that the network envisages to develop and verifies the institutions’ interest in participating in the Network.
Working tables. A working table for each of the thematic areas focuses on the actions to be undertaken and the interactions to be promoted.
Public presentation.The network is presented at the next G20 Culture in September 2022 in Indonesia.
In presence Workshop. “Dialogues on Management Skills”, a three-day workshop held in presence in Rome, within the International Week organized by the Fondazione in June 2023: partner institutions discuss next steps to formalize the network and identify the thematic area on which the network aims to work.
G20 India. The G20 Culture Ministers’ Meeting, met in Varanasi (India) in August 2023, acknowledge the network as one of tools put in place to invest in training and skills development in the cultural business management field.

The document is a descriptive report on the project ” Cultural Business Management: A G20 Culture Network of Training Institutions”.
The report outlines the context in which the project was conceived, its objectives, and describes the process of listening, discussion, and collaboration initiated in July 2021 that led to the creation of a network of 11 training institutions from G20 countries committed to co-designing pilot training programs in the field of cultural business management. Published in November 2023,

where we are

other projects

Laboratori di territorio

Laboratori di territorio è il percorso di capacity building disegnato su misura per le Amministrazioni comunali beneficiarie delle risorse PNRR Cultura 4.0 per il “Piano Nazionale Borghi”. Ideando un percorso di capacitazione ad hoc, la Scuola dei beni e delle attività culturali contribuisce alla buona riuscita di una politica tanto innovativa quanto capillare come quella del Bando “Rigenerazione culturale e sociale dei piccoli borghi storici”.

Laboratori di territorio
Skills2Go!

Skills2Go!, empowering Nova Gorica-Gorizia for ECOC 2025. The Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, in partnership with GECT GO/EZTS GO and GO!2025, is conducting a comprehensive capacity-building program tailored for both administrations, aimed at empowering professionals and public officers involved in shaping, enriching, promoting, and sustaining the cultural landscape of the European Capital of Culture 2025.

Skills2Go!
UNESCO New Generation

UNESCO New Generation è il progetto d’informazione, di sensibilizzazione e di educazione sul patrimonio culturale immateriale che Ministero della cultura, Ministero dell’Istruzione e del Merito e Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali rivolgono alle giovani generazioni e realizzano con il fondamentale apporto delle comunità patrimoniali e dei gruppi che sul territorio animano i 17 elementi iscritti alle liste UNESCO.

UNESCO New Generation
Capitale italiana della cultura: analisi del programma

La Fondazione affianca il Segretariato Generale del Ministero della cultura, in un progetto per la valutazione ex post e in itinere del programma “Capitale italiana della cultura”. Un’occasione per un’analisi sugli impatti dell’iniziativa sui territori, imprese culturali e creative e sui policy maker, oltre che per una riflessione metodologica su indicatori e metodi di misurazione in ambito culturale.

Capitale italiana della cultura: analisi del programma
Patrimonio immateriale UNESCO: verso un Osservatorio nazionale

La Fondazione affianca il Segretariato Generale del Ministero della cultura, lavorando alla predisposizione di un modello operativo per l’avvio e la sostenibilità dell’Osservatorio Nazionale del patrimonio immateriale UNESCO, che monitori, comprenda, orienti lo stato e le attività degli elementi italiani iscritti nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO.

Patrimonio immateriale UNESCO: verso un Osservatorio nazionale
Itinerari culturali

Il programma degli Itinerari Culturali è stato avviato dal Consiglio d’Europa nel 1987 con la Dichiarazione di Santiago de Compostela. Su territorio italiano si sviluppano 27 degli Itinerari Culturali certificati. La Fondazione Sscuola dei beni e delle attività culturali affianca il Segretariato Generale del Ministero della cultura nella realizzazione di una strategia nazionale per la promozione di questo innovativo modello di valorizzazione del territorio.

Itinerari culturali
FAM Fabbrica delle arti e dei mestieri

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. e la Fondazione avviano una ricerca congiunta mirata a definire, in un’ottica di sostenibilità economica, gestionale e organizzativa, il modello di gestione e il business case del nuovo polo culturale multifunzionale, denominato Fabbrica delle Arti e dei Mestieri (FAM). Sorgerà nella sede della prima Zecca dell’Italia unita.

FAM Fabbrica delle arti e dei mestieri
L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale

L’Unione Europea dichiara il 2018 “Anno Europeo del patrimonio culturale” e il Segretariato generale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il Turismo ne coordina l’Agenda italiana. A distanza di un anno, una valutazione degli effetti di questa iniziativa sulle imprese culturali e creative, sulla partecipazione culturale e sui policy leader.

L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale
Rapporti tra pubblico e privato nel Parco Sommerso di Baia

La ricerca, in essere con la collaborazione tra Parco Archeologico dei Campi Flegrei e Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività culturali, analizza – ai fini di una nuova definizione e regolamentazione – i rapporti fra il Parco e gli operatori che svolgono le proprie attività imprenditoriali all’interno del Parco Sommerso di Baia.

Rapporti tra pubblico e privato nel Parco Sommerso di Baia
Una città, venti musei: quattro distretti

Per migliorare l’offerta pubblica dei suoi Musei, Milano guarda alle più interessanti e avanzate esperienze internazionali e lavora a un piano strategico che reinventa la relazione tra i musei civici, la città e il pubblico. L’ indagine della Direzione Cultura del Comune di Milano è realizzata in collaborazione con questa Fondazione e con il Centro di Ricerca ASK Università Bocconi, l’ICAMT e PTSCLAS.

Distetti culturali Comune di Milano
Una città, venti musei: quattro distretti