Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

21 Dicembre 2023

Inaugurato il 18 settembre 2023, dopo 12 settimane di lavori, giunge a termine con bilancio positivo, Undertaking Business in Culture, il progetto internazionale di empowerment imprenditoriale nel settore culturale e creativo rivolto a giovani provenienti da Italia e Africa, promosso da ICCROM e da Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, in continuità con il programma ICCROM Youth.Heritage.Africa.

Il progetto ha coinvolto 20 partecipanti under 35 – selezionati attraverso una call for application che ha toccato 14 Paesi – provenienti nello specifico da Italia, Tanzania, Kenya, Ruanda, Sud Africa, Zimbabwe, Ghana, Nigeria e Uganda.
Il programma formativo ha rappresentato un’opportunità unica per i partecipanti di conoscere le migliori pratiche italiane, africane e internazionali, di imprenditorialità giovanile nel settore culturale. Le 12 settimane di formazione, tenutesi online sulla piattaforma e-learning della Fondazione, attraverso 5 moduli tematici, hanno offerto una panoramica completa sugli aspetti chiave dell’imprenditorialità nel settore culturale: docenti ed esperti di spicco nel panorama internazionale hanno offerto testimonianze a approfondimenti su temi cruciali tra cui i modelli di business, le strategie di fundraising, marketing e comunicazione, gli strumenti di coinvolgimento della comunità, il budgeting, adottando per lo più, attraverso casi studio e attività laboratoriali, un approccio pratico.
Il modulo dedicato al “Community involvement” è risultato tra i contenuti più apprezzati da parte dei partecipanti. Questo segmento formativo ha impegnato attivamente i partecipanti nell’esercizio di mappare i propri stakeholder per poi sviluppare strategie concrete di coinvolgimento delle comunità locali. L’approccio, unanimemente condiviso e apprezzato, è stato quello della collaborazione diretta e partecipata della comunità, che sembra poter meglio contribuire a prospettive di sviluppo sociale e territoriale.
Anche il modulo finale sul “Business venturing” ha suscitato grande interesse. Questa sezione del corso ha fornito ai partecipanti strumenti e competenze essenziali per perfezionare le loro capacità di presentazione, fondamentali per convincere eventuali finanziatori. La capacità di ‘pitching’ acquisita in questo contesto si rivelerà preziosa per trasformare idee creative in progetti concreti e sostenibili, componente chiave nell’avviare e gestire imprese nel settore culturale e creativo.

L’apprezzamento dimostrato dai partecipanti, sottolinea l’efficacia del programma Undertaking Business in Culture nel fornire conoscenze e strumenti pratici immediatamente applicabili dai partecipanti nelle loro attività e così promuovere un impatto tangibile nel settore e nelle comunità coinvolte: Undertaking Business in Culture contribuisce quindi, attraverso la forza e l’immediatezza dei risultati formativi, ad una prospettiva di sviluppo territoriale e salvaguardia del patrimonio culturale, grazie alla cooperazione internazionale e all’innovazione.

Conclusa questa fase di formazione, è attualmente in corso la progettazione della seconda fase, quella di mentoring che prevede attività laboratoriali, workshop e visite in presenza per i dieci migliori partecipanti, selezionati alla luce delle presentazioni finali e delle valutazioni dei docenti: una preziosa opportunità di confronto con personalità di spicco e iniziative virtuose di diversi contesti internazionali.