Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

3 Agosto 2021

Alla presenza di 25 rappresentanti degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa che intercettano l’Italia, si è svolta una nuova tappa del progetto con cui il Ministero della cultura, in collaborazione con la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, lavora alla promozione di questa esperienza di sviluppo dei territori.

Dall’analisi di un primo questionario conoscitivo – che era stato somministrato ai rappresentanti degli Itinerari culturali in Italia – è emerso come sostanzialmente ricorrano alcune criticità su cui è auspicabile un sostegno da parte delle istituzioni.

  • Sarebbe necessario rafforzare la promozione degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa a scala nazionale anche al fine di distinguerli da altre forme di percorsi sia pure legati a temi culturali.
    L’iter di candidatura a Itinerario culturale richiede di soddisfare una serie di complessi criteri e l’ottenuta certificazione è soggetta a periodici controlli.  Alla luce di questo, è auspicabile che gli Itinerari culturali raggiungano collettivamente un livello di notorietà a livello europeo ed una eco mediatica non dissimile, per esempio, alla iscrizione di un bene nella Lista del patrimonio mondiale UNESCO.
  • Sarebbe importante attivare azioni di formazione ad hoc per i manager degli Itinerari culturali su tematiche di gestione innovativa e di gestione delle reti tra soggetti: questo potrebbe favorire una evoluzione migliorativa degli itinerari già esistenti sul territorio nazionale e dare impulso alla ideazione e nascita di nuovi.

A seguire, Germana Di Falco dell’Agenzia per la Coesione territoriale ha illustrato le opportunità che i programmi europei di cooperazione possono offrire agli Itinerari culturali in quanto soggetti – per le loro caratteristiche – potenzialmente adatti a partecipare a progetti di cooperazione.
Il quadro di sintesi fornito sui progetti di cooperazione nel settore della cultura e del turismo ha incontrato l’interesse di tutti i partecipanti.

Approfondimenti

foto di Tobias Cornille su Unsplash