Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

Managing Mediterranean archaeological heritage : challenges and strategies

International School of Cultural Heritage - Programma 2019.2020

L’ edizione inaugurale del Programma International School of Cultural Heritage è dedicata alla gestione e alla valorizzazione del siti e dei musei archeologici.
L’International School è un laboratorio permanente dedicato a professionisti stranieri che,  ad ogni edizione, circoscrive un’area geografica di provenienza dei partecipanti.
I partecipanti alla edizione 2019.2020 sono stati invitati da Algeria, Egitto, Iraq, Israele, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Palestina, Tunisia, Turchia e da Etiopia come paese associato.
I professionisti sono stati candidati al Programma direttamente dalle istituzioni locali operanti nel settore.

obiettivi

Ogni partecipante, contando su un solido bagaglio di conoscenza e di esperienza, porta con sé una “domanda di innovazione”, propone un reale fabbisogno di rinnovamento del suo operare professionale.
Mettendo in contatto i partecipanti con le migliori esperienze italiane e internazionali, il Programma esplora le possibilità, per i professionisti coinvolti, di applicare al proprio contesto di origine soluzioni e metodi altrove già sperimentati con successo.
Le opportunità di scambio e di condivisione possono contribuire alla ideazione di progetti e soluzioni praticabili nel contesto di origine.

attività in programma

Il programma è strutturato in tre fasi

Modulo comune

Roma, dal 6 novembre al 18 dicembre 2019
Lezioni tenute da esperti italiani e stranieri particolarmente orientate alla discussione di case studies; visite di studio presso le più importanti istituzioni o società attive nella gestione dei beni culturali in Roma; visite tematiche ai siti o ai musei archeologici; incontri di scambio e confronto.

Fieldwork

destinazioni varie, dal 13 gennaio al 27 marzo 2020
Tre mesi da spendere presso un istituto pubblico o privato attivo nella gestione del patrimonio archeologico in Italia.  Studiandone modello e prassi, i partecipanti possono sviluppare una propria idea progettuale applicabile al proprio contesto di provenienza.

Modulo finale

Roma, dal 30 marzo al 3 aprile 2020
I partecipanti confrontano le proprie esperienze e finalizzano i progetti ideati e sviluppati durate il fieldwork.
A Roma, chiude il Programma, un seminario finale cui sono invitati i responsabili apicali della organizzazione da cui provengono i partecipanti.

attività in diretta

Al via i fieldwork
l'archeologia da Brescia ad Agrigento
dal
13 Gennaio 2020

Partono il 13 gennaio i tre mesi di progetto su campo riservati ai professionisti della International School of Cultural Heritage.
Da Brescia ad Agrigento, passando per Torino, Roma, Napoli, Paestum, Ercolano e Pompei, presso istituzioni musei e parchi archeologici, i partecipanti al programma.

 edizione 2019.2020
Al via i fieldwork
La quinta settimana
preventive archeology, material's analysis e educational programmes
dal
9 Dicembre 2019

Una densa settimana di lavori e visite dedicati all’archeologia preventiva, alle tecnologie di indagine e diagnostica, ai programmi didattici e ai new media. Chiude così il primo modulo, comune a tutti i partecipanti, della School. Si riparte, in gennaio 2020, con l’avvio dei fieldwork.

 edizione 2019.2020,  internazionale
La quinta settimana

accesso e condizioni

La partecipazione al Programma è gratuita e la Fondazione contribuisce alla copertura delle spese dei partecipanti.
I requisiti per l’accesso al Programma sono definiti ad ogni edizione da apposito Regolamento.
Per l’edizione 2019.2020 i partecipanti sono candidati al Programma dalle organizzazioni dei Paesi di provenienza e una Commissione nominata dalla Fondazione valuta la idoneità delle candidature.

partner

partner istituzionali
Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo
Ministero per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale
in collaborazione con
International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property (ICCROM)
si ringrazia
CoopCulture

info e contatti

International Secretary Office
+39.06.4989.921
international@fondazionescuolapatrimonio.it

sono con noi

qualche dettaglio in più

Opening lesson
Massimo Osanna, Parco Archeologico Pompei

Digital humanism
Christian Greco, Museo Egizio di Torino

General framework of the organisation and dynamics of management of cultural heritage and cultural activities in Italy
Emilio Cabasino, MAECI – AICS

Museums and heritage facing global social challenges: local development and UN-SDG
Alberto Garlandini, ICOM

Preventive archaeology and new findings
Simona Morretta e Marta Baumgartner, Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma

Safeguard, conservation and enhancement of Underwater Cultural Heritage: presentation of selected case studies
Barbara Davidde, MIBACT – ISCR

First aid to cultural heritage in time of crisis
Maria Teresa Jaquinta, ICCROM

International standards for the protection of prehistoric human evolution sites
Nuria Sanz, UNESCO

European cooperation for cultural heritage in the Mediterranean: Strategies, Programs, Projects and Lessons Learned
Roberto Carpano, former ENPI CBC Med Programme

Heritage education
Antonella Poce, Università Roma Tre

Archaeology and socio-economic development
Paola Dubini, Università Bocconi

Statistical tools for cultural heritage management
Annalisa Cicerchia, ISTAT

World Heritage and Sustainable Development
Giovanni Boccardi, UNESCO e  Jane Thompson

Archaeology and development of internal areas
Sabrina Lucatelli, PCM Coordinatore Comitato Tecnico Aree Interne Dipartimento per le Politiche di Coesione

Events in archaeological sites
Roberta Sulli, Teatro dell’Opera di Roma
Marina Piranomonte, Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma
Antonio Calbi, INDA

Strategies for communicating archaeological heritage
Piero Corsini, RAI Cultura
Didi Gnocchi, 3d Production

Museums’ social, educational and territorial role. Technological innovation
in partnership with ICOM
Myriame Morel, MUCEM Marseille
Michele Lanzinger, MUSE Trento
Jenny Albani, Acropolis Museum, Athens and archaeological museums in Greece
José Morais Arnaud, Carmo Archeological Museum Lisbon

Models of widespread archaeological sites management
Silvia Guideri, Area Parchi e Musei Val di Cornia
Cristiano Tiussi, Area archeologica di Aquileia
Cinzia Corona, Area archeologica Su Nuraxi di Barumini

Fighting illicit trafficking
Michelangelo Lobuono, Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale

Documentation centres in archaeological sites
Andrea De Pasquale, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma
Space, A digital display case: the experience of Pompeii
Valeria Boi, MIBACT – DG ABAP, The standard MODI –ICCD for preventive archaeology

Archaeological heritage, social inclusion and accessibility
Sara Colantonio / Carlotta Caruso, Museo Nazionale Romano
Gianluca Vitagliano, Programma Pompei per tutti
Liceo Cavour, ART-TOUCH-LAB project: 3D printed educational kits for a tactile museum

Earthquake risk management: the experience of the earthquake in central Italy
Giulia Ceriani Sebregondi, Università della Campania Luigi Vanvitelli
Paolo Iannelli, MIBACT Soprintendente Speciale per le aree colpite dal sisma del 24 agosto 2016

UNESCO WHL and the Italian guidelines for managing WH properties
Adele Cesi, MIBACT – Segretariato Generale, Servizio I Ufficio UNESCO

Public archaeology and participation
Alexandra Chavarria, Università degli Studi di Padova
Stefano Consiglio, Università degli Studi di Napoli Federico II
Agostino Riitano, Fondazione Matera Basilicata 2019

Videogames and archaeology
in partnership with AESVI and Istituto Luce-Cinecittà

Sustainable models for the enhancement of cultural heritage
in partnership with CoopCulture

Technologies for cultural networks
in partnership with CoopCulture

Communication of cultural contents via the new media
in partnership with ETT, Civita, Studio Azzurro

MIBACT ISCR Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro
Preventive conservation in archaeological sites

MIBACT ICRCPAL Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario
Multimedia applications for highly vulnerable assets assessment

INFN + ENEA
Chnet project

MIBACT ICCD Istituto Centrale Catalogo Documentazione
Documentation and inventories

IsIAO Library
Photographic archive

CNR-ITABC/IBAM
Digital application in archaeology

 

MIBACT Museo Nazionale Romano
Preservation of archaeological collections

Cantiere METRO linea C
Preventive archaeology in urban context

MIBACT Parco Archeologico del Colosseo
Applied technologies for preservation

MIBACT Museo Nazionale Romano Palazzo Altemps
Heritage education and object-based learning

MIBACT Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
Educational programmes

MIBACT Parco Archeologico dell’Appia Antica
Archaeological assets in a urban area and in a natural context

MIBACT Parco Archeologico Pompei
Conservation, management and research

Palazzo Valentini
Management of a multi-media museum

Yasser’s, Mohamed’s and Ahmed’s fieldwork are at the Fondazione Museo Egizio (Torino).

Aissar’s fieldwork is in the Parco Archeologico di Paestum (Salerno).

Seda’s fieldwork is in the Parco Archeologico di Ercolano (Napoli).

Nabil‘s fieldwork is in the Parco Archeologico di Pompei (Napoli).

Nyan’s fieldwork is at the Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (Roma).

Maria’s fieldwork is in the Parco Archeologico del Colosseo (Roma).

Hanan’s fieldwork is in the Parco Archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi (Agrigento).

Susan’s fieldwork is in the Parco Archeologico di Ostia Antica (Roma).

Mohammad’s fieldwork is in the Parco dell’Appia Antica (Roma).

Rabiaa’s fieldwork is in the Parco dell’Appia Antica (Roma).

Husameddin’s fieldwork is at the Fondazione Brescia Musei (Brescia ).

Faouzi’s fieldwork is at the Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (Roma).

Fatima’s fieldwork is at the Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e librario (Roma).

Rita’s fieldwork is at the CNR Istituto di scienze del patrimonio culturale(Roma).

 

hai ancora domande?