Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

21 Luglio 2020
Albertini - Zucchi - Museo dell’Automobile - Foto di Emanuele Piccardo

Strumenti e metodi per la conoscenza, tutela e valorizzazione delle architetture italiane del secondo Novecento è il progetto di ricerca congiunto della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività culturali e del Turismo e della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali.

Un inedito focus sulla tutela per l’architettura contemporanea nato da un’esigenza condivisa dalla Direzione – per le sue funzioni di promozione e valorizzazione della creatività contemporanea –  e dalla Fondazione – come prima traccia di ricerca nell’ambito della sua indagine su “La tutela del patrimonio culturale” tout court..
Obiettivo: avviare una riflessione sulla tutela delle opere di architettura contemporanea e favorire un dibattito sulle linee di intervento e conservazione, nonché promuovere la cultura architettonica contemporanea, con il contributo scientifico di studiosi ed esperti e con l’attivazione di formazione puntuale e specialistica.

Il progetto, attraverso una intensa attività di ricerca, intende acquisire un quadro conoscitivo attuale e aggiornato sullo stato e sulla natura della tutela dell’architettura contemporanea dedicando anche un doveroso approfondimento agli aspetti normativi e procedurali.
La ricerca avanza in prima battuta attraverso l’aggiornamento del Censimento delle Architetture Italiane del secondo Novecento: è una mappatura dell’architettura contemporanea sul territorio nazionale, avviata nel 2002 – al fine del rilascio della “Dichiarazione di importante carattere artistico” (L. 633/41) e dei provvedimenti previsti dal D. Lgs. 42/2004 – in continuo aggiornamento e divenuta oggi, con l’attivazione dell’Atlante Architettura Contemporanea, un fondamentale strumento di promozione e valorizzazione.
All’aggiornamento e alla normalizzazione delle circa 4.300 schede del Censimento, si dedicheranno sei specialisti di architettura contemporanea: una selezione per titoli e colloqui sarà indetta in settembre 2020 per il conferimento degli incarichi.
All’aggiornamento del Censimento si accompagna, contestuale, la ricognizione del controverso e complesso contesto normativo a disciplina della tutela per l’architettura contemporanea.

Ma il progetto non si esaurisce così.
Gli esiti della ricerca vengono resi pubblici in appuntamenti di condivisione e confronto con addetti ai lavori ed esperti del settore con la prospettiva di formulare una proposta di revisione dell’approccio alla tutela del contemporaneo ed un aggiornamento degli strumenti in uso.
E infine, per costruire una comunità competente, gli elementi di conoscenza raccolti diventeranno oggetto di momenti di formazione e aggiornamento professionale.

Tutti gli aggiornamenti sul sito e sui social della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e della Direzione Generale Creatività Contemporanea.

Approfondimenti

Immagine
Albertini – Zucchi – Museo dell’Automobile| Foto di Emanuele Piccardo

Il sito della Direzione Generale Creatività Contemporanea

Il Censimento nazionale delle architetture italiane del secondo Novecento
L’Atlante Architettura Contemporanea