Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

conosciamoci meglio

il Presidente

Vincenzo Trione

Vincenzo Trione è professore ordinario di Arte e media e di Storia dell’arte contemporanea presso l’Università IULM di Milano, dove è Preside della Facoltà di Arti e turismo e coordinatore del Dottorato di ricerca in Visual and Media Studies. Collabora al “Corriere della Sera”. È stato Commissario della XIV^ edizione della Quadriennale di Roma (2003), Direttore generale di Valencia 09-Confines. Pasajes de las artes contemporaneas (2009) e curatore del Padiglione Italia della 56^ Biennale di Venezia – arti visive (2015). Dal 2013 al 2020 ha diretto il Dipartimento di ricerca e formazione del Museo d’arte contemporanea Madre di Napoli, che ha portato alla pubblicazione dell’Atlante dell’arte contemporanea a Napoli e in Campania: 1966-2016 (Electa, 2016). Dal 2020 è Presidente della Scuola dei beni e delle attività culturali (Ministero della Cultura). Dal 2021 è membro del Comitato di gestione della SNA (Scuola Nazionale dell’Amministrazione – Presidenza del Consiglio dei Ministri). Membro del Consiglio scientifico della Treccani, è Direttore generale dell’Enciclopedia Treccani dell’Arte Contemporanea, in quattro volumi (2021). Ha curato mostre in musei italiani e stranieri (tra le altre, El siglo de Giorgio de Chirico presso l’IVAM di Valencia nel 2007, I luoghi e l’anima. Mario Sironi / Constant Permeke nel 2005, Salvador Dalí. Il sogno si avvicina nel 2010 e Alberto Savinio. La commedia dell’arte nel 2011 nella sede del Palazzo Reale di Milano e Post-classici al Foro romano e al Palatino di Roma nel 2013). Ha tenuto conferenze e seminari in Italia e all’estero. Ha pubblicato numerosi saggi su momenti e figure delle avanguardie del XX e del XXI secolo. Ha curato volumi di Alberto Savinio, di Roberto Longhi, di Mimmo Rotella e di Umberto Eco. Tra i suoi libri, Il poeta e le arti. Apollinaire e il tempo delle avanguardie (Guerini e associati, 1999), Dentro le cose. Ardengo Soffici critico d’arte (Bollati Boringhieri, 2001), Atlanti metafisici. Giorgio de Chirico: arte, architettura, critica (Skira, 2005), Le città del silenzio. Giorgio de Chirico: architettura, memoria, profezia (Skira, 2009), Effetto città. Arte cinema modernità (Bompiani, 2014, Premio Roma, Premio-giuria Viareggio), Contro le mostre (con Tomaso Montanari, Einaudi, 2017), L’opera interminabile. Arte e XXI secolo (Einaudi, 2019, Premio-giuria Viareggio), Artivismo. Arte, politica, impegno (Einaudi, 2022). Nel 2020 è stato nominato Cavaliere “Al merito della Repubblica Italiana” dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

il Direttore

Alessandra Vittorini

Alessandra Vittorini è architetto. Laureata in “Restauro dei monumenti” e con PhD in “Pianificazione territoriale e urbana” (Università di Roma “La Sapienza”), lavora nel Ministero della cultura dal 1990.
Dal 2012 al 2020 è alla guida della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città di L’Aquila e i Comuni del cratere. Dal 2012 segue e coordina attività e programmi connessi al restauro e alla ricostruzione post sisma del patrimonio culturale, curando in modo particolare anche gli aspetti di divulgazione e di confronto scientifico e disciplinare a scala nazionale e internazionale.
Partecipa a seminari internazionali sulla ricostruzione dopo le calamità tra cui gli appuntamenti di ICOMOS International a Parigi e ad Istanbul (2016). È tra i relatori degli Stati Generali del Paesaggio MiBACT (2017), membro del Comitato misto italo-francese per il restauro della Chiesa di S. Maria del Suffragio in L’Aquila (2014-2018) e componente del Tavolo tecnico per la realizzazione della nuova sede del MAXXI L’Aquila nel restaurato Palazzo Ardinghelli.
Responsabile dell’intervento di restauro e ricostruzione della Basilica di Collemaggio, coordinato dalla Soprintendenza aquilana. Ultimato in meno di due anni, il restauro ha ricevuto l’European Heritage Award/Europa Nostra Award 2020, ottenendo inoltre il Grand Prix nella categoria restauro.
Effettua docenze e seminari per corsi di perfezionamento, dottorati e master, ha all’attivo numerosi interventi in convegni e conferenze e può vantare pubblicazioni di volumi, articoli, saggi e testi critici, su architettura, urbanistica, paesaggio e restauro.

il Consiglio di Gestione

È composto da

  • il Presidente della Fondazione, Vincenzo Trione, che lo presiede
  • il Direttore della Fondazione, Alessandra Vittorini
  • un membro designato dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale
  • due membri designati dal Ministero della cultura

Andrea Meloni

designato MAECI

Ambasciatore, già Direttore Generale per la Promozione del Sistema paese al Ministero degli Esteri, in pensione dal febbraio 2016.
Entrato alla Farnesina nel 1975, ha prestato servizio in Mozambico, Argentina, Pakistan; al Ministero presso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo; a Ginevra quale vice rappresentante presso il GATT e l’OMC; nuovamente in Argentina quale Console Generale a Buenos Aires; al Ministero alla Unità di analisi e programmazione; alla Rappresentanza permanente a Bruxelles dal 2006 al 2010 quale Ambasciatore presso il Comitato Politico e di Sicurezza della Unione Europea; Ambasciatore d’Italia in Canada dal gennaio 2010 al gennaio 2013; al Ministero, Direttore Generale per la Promozione del Sistema paese dal gennaio del 2013 al gennaio 2016. Come Direttore Generale, ha avuto, fra le altre, la responsabilità delle attività di promozione culturale del Ministero, inclusa la gestione della rete degli Istituti Italiani di Cultura all’estero e delle attività di Scienza Ricerca e innovazione, inclusa la rete degli Addetti Scientifici.
È attualmente membro del Board of Directors della Fermi Research Alliance di Chicago e professore a contratto presso l’Università di Tor Vergata.

Mauro Calise

designato MiC

Mauro Calise è professore ordinario di Scienza politica presso l’Università di Napoli Federico II. È Direttore di Federica Web Learning e fondatore di federica.eu, piattaforma leader nella produzione e distribuzione di corsi universitari multimediali.
Dirige la Rivista di Digital Politics e coordina l’IPSA Summerschool on Concept Analysis in the Web Environment.
Già Research fellow presso il Center for European Studies della Harvard University, l’Institut d’Etudes Politiques de Paris e il Government Department della Cornell University, ha ricoperto la carica di Presidente della Società Italiana di Scienza Politica (2008-10) e di Vice-President della International Political Science Association (2000-03).
Oltre che di numerose pubblicazioni in riviste internazionali, è autore di volumi di storia e analisi politica. Tra i più recenti: Fuorigioco. La sinistra contro i suoi leader (2013), La democrazia del leader (20162). Con Fortunato Musella ha pubblicato Il Principe digitale (20192), con Theodore J. Lowi di Hyperpolitics. An Interactive Dictionary of Political Science Concepts (2010) e, con Theodore J. Lowi e Fortunato Musella di Concetti chiave. Manuale di Scienza politica (2021). Dal 1995 è editorialista del Mattino, sul quale ha firmato oltre mille articoli di politica interna e internazionale.

Antonia Pasqua Recchia

designata MiC

Antonia Pasqua Recchia è architetto, già Segretario generale del Ministero della cultura dal 2012 al 2017. In quegli anni, organizza l’Unit for CH, i “Caschi blu della cultura”, e contribuisce alla progettazione del primo G7 della cultura tenutosi a Firenze nel 2017.
Attualmente è Consigliere del Ministro per la ricostruzione post-sismica, siede nel Consiglio di Amministrazione della Soprintendenza speciale di Roma ed è componente dell’Osservatorio nazionale per il paesaggio.
È, inoltre, coordinatore del Gruppo tecnico di supporto per il Piano di monitoraggio e conservazione dei beni culturali e delle attività dell’Osservatorio centrale per i beni culturali di interesse religioso di proprietà ecclesiastica.
Ha ricoperto importanti incarichi a livello internazionale, anche coordinando progetti di ricerca finanziati dall’Unione Europea.
Ha all’attivo numerose pubblicazioni nel campo della storia dell’architettura, del restauro e consolidamento dei monumenti, dell’economia della cultura, dell’innovazione tecnologica per i beni culturali.

il Consiglio Scientifico

È presieduto dal Direttore della Fondazione.
I componenti sono:

Mariarosaria Barbera

Mariarosaria Barbera è un’archeologa che ha maturato una lunga esperienza gestionale presso il MiBACT.
Laureata all’Università Federico II nel 1977 e poi allieva della Scuola Nazionale di Archeologia di Roma, ha iniziato la carriera in Campania, partecipando a scavi nei siti di Velia, Casalbore, Conza della Campania, Paestum 1977-1981). Per la Soprintendenza Archeologica di Roma ha svolto incarichi di cura e progettazione museale, nonché di tutela territoriale nel centro storico e nel suburbio (1983-2009). È stata Soprintendente Archeologo in Sardegna, in Toscana e presso la Soprintendenza Speciale Beni Archeologici di Roma, dove ha riaperto al pubblico importanti aree archeologiche e Musei, partic. in occasione del Bimillenario Augusteo (2014), ottenendo numerosi premi e riconoscimenti. Da Direttore del Parco Archeologico di Ostia antica (2017-2020) ha reso nuovamente fruibili svariate aree, curato la progettazione del nuovo Museo Ostiense e avvicinato la comunità locale ai valori etici e culturali del Parco, che ha ottenuto dalla Commissione UE il Marchio del Patrimonio Europeo per il 2020.
Già Presidente del Comitato tecnico Scientifico per l’Archeologia presso il Consiglio Superiore BB.CC., del quale è stata membro per due mandati (1993-1997; 2015-2018), è componente del Comitato di redazione di Riviste archeologiche, Socio ab epistulis del Deutsches Archaeologisches Institut e Rappresentante del MiBACT presso l’Accademia Nazionale dei Lincei (Notizie degli Scavi, Monumenti Antichi). Ha prodotto e curato numerose pubblicazioni scientifiche, ideato e curato varie Mostre, svolto incarichi istituzionali di consulenza tecnica e tenuto conferenze, seminari e workshops presso Università, Accademie e Istituti di Cultura, in Italia e all’estero. Prosegue tuttora l’attività di comunicazione e diffusione di contenuti ed esperienze scientifiche e gestionali per Istituzioni italiane e straniere.
Nominata con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Francesco Casetti

Francesco Casetti è Sterling Professor of Humanities and Film and Media Studies alla Yale University, dove è anche Affiliated Faculty alla School of Architecture. In precedenza, è stato professore ordinario nell’Università di Trieste e poi nell’Università Cattolica di Milano, dove ha servito come Prorettore e ha diretto il Dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo. Ha tenuto corsi e seminari in diverse università, tra cui l’Universitè Paris III, l’University of Iowa, a Berkeley, dove ha ricoperto la prestigiosa Chair of Italian Culture, l’USI, e Harvard. È stato membro di alcuni Consigli Scientifici di importanti istituzioni di ricerca, tra cui l’Istituto Gemelli-Musatti (Milano), la Fondazione Mattei (Milano) il Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) e l’Istituto Luce (Roma). È membro del comitato di redazione di “Comunicazioni Sociali” (Milano), “Cinéma&Cie” (Udine-Milano), e “La valle dell’Eden” (Torino).
I suoi interessi sono rivolti soprattutto ai media audiovisivi, cinema e televisione, di cui ha studiato in forma originale le strategie di comunicazione e l’impatto sociale. Ha analizzato fenomeni come la serialità, la multimedialità, il consumo individuale e familiare, nel quadro delle trasformazioni connesse all’avvento di una società mediatizzata.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Foto © Laila Pozzo

Paolo Crisostomi

Paolo Crisostomi si diploma nel 1981 presso l’Istituto Centrale per la Patologia del Libro.
Dal 1983 svolge attività di ricerca scientifica e attività di conservazione e restauro di beni culturali, anche sonori e fotografici.
Docente a contratto in discipline tecniche e teoriche del restauro presso l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo (1992-2008), l’Università degli Studi di Siena (1999-2006), l’Università degli Studi di Macerata (1998-2008), l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (2009 -2011), e per vari master; dal 2015 docente di Teoria e Storia del Restauro per l’ICRCPAL e per l’Università degli Studi di Urbino. Direttore Scientifico di Master Universitari Nazionali e Internazionali di secondo livello sulla Conservazione e il Restauro di Beni Culturali. Già componente del Consiglio di Amministrazione della Reggia di Caserta dal 2015 al 2020.
Autore e curatore di numerose pubblicazioni scientifiche, anche internazionali, nell’ambito della Conservazione e Restauro del patrimonio culturale.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Stefano Della Torre

Stefano Della Torre è dal 2001 professore ordinario di ruolo nel settore scientifico disciplinare ICAR/19.
Si è laureato in Ingegneria Civile, sez. edile, indirizzo strutturistico nel 1980 presso il Politecnico di Milano e successivamente in Architettura nel 1986 presso il medesimo Ateneo.
Ha servito come Direttore del Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (ABC) del Politecnico di Milano dal 2012 al 2019.
Dirige il Master in Management dei Beni e Attività Culturali presso Polimi Graduate School of Management.
Ha coordinato il sottoambito Patrimonio culturale per la scrittura del Programma Nazionale della Ricerca 2021-27.
Presidente della SIRA – Società Italiana per il Restauro dell’Architettura per il triennio 2021-2023.
Ha svolto e svolge un’articolata attività di ricerca e consulenza. Ha diretto numerosi progetti di ricerca nazionali ed europei.
È autore di oltre 400 pubblicazioni.
Nominato con Determina 38/2023 del 07/03/2023

Andrea De Pasquale

Andrea De Pasquale, già direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, è dal 2021 direttore dell’Archivio centrale dello Stato.
Laureato in lettere classiche all’Università di Torino, diplomato in Archivistica, Paleografia e Diplomatica all’Archivio di Stato di Torino, diplomato bibliotecario all’Università di Roma La Sapienza, è dottore di ricerca in Storia del libro all’École Pratique des Hautes Études di Parigi.
Da dipendente del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo ha diretto la Biblioteca Palatina di Parma (2008-2011), la Biblioteca Nazionale Braidense di Milano (2011-2014) e la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino (2008-2015). È stato membro del Comitato tecnico scientifico per le biblioteche e gli istituti culturali (MiBACT).
Ha insegnato in numerose Università (l’Università di Roma La Sapienza, l’École Nationale de Chartes di Parigi, l’Università del Piemonte orientale, le Università di Bologna, Torino, Siena) ed è docente alla Scuola di Alta formazione dell’ICRCPAL Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario.
All’attivo ha pubblicazioni e saggi (soprattutto sula storia del libro e delle biblioteche) e numerose partecipazioni a convegni nazionali e internazionali.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Carla Di Francesco

Carla Di Francesco

Carla Di Francesco è architetto.
Già Segretario generale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.
Laureata in architettura, è stata Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici di Milano, dopo una ventennale esperienza nella Soprintendenza di Ravenna nella sede di Ferrara, dove si è occupata di tutela di beni paesaggistici e monumentali, progettando e dirigendo numerosi lavori di restauro. Nominata Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia nel 2004, ha svolto analogo incarico in Emilia-Romagna fino al 2014.
È stata docente a contratto nell’ambito disciplinare del Restauro nelle Facoltà di architettura delle Università di Ferrara, Milano, Bologna.
È autrice di numerose pubblicazioni nel settore della conservazione dei manufatti architettonici e della storia della tutela.
Nominata con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Andrea Giorgi

Andrea Giorgi è professore ordinario di Archivistica presso l’Università di Trento.
Laureato in Storia presso l’Università degli Studi di Siena nel 1989, consegue il dottorato di ricerca in Storia Medievale presso l’Università di Firenze nel 1994 e il diploma della scuola di Archivistica, paleografia e diplomatica dell’Archivio di Stato di Perugia nel 1995.
Dopo essere stato ricercatore presso la Scuola speciale per archivisti e bibliotecari dell’Università di Roma “La Sapienza”, insegna presso l’Università di Trento dal novembre 2000.
Impegnato nell’ordinamento e nell’inventariazione di alcuni rilevanti complessi archivistici, si è occupato di temi legati alla gestione documentale (Progetto PiTre, Trento). Ha collaborato dal 1993 al 2006 con il Kunsthistorisches Institut in Florenz-Max Planck Institut ed è stato coinvolto nello studio di alcuni importanti cantieri di cattedrali. Più di recente, ha svolto ricerche di ambito storico-documentario, di storia dell’università e dei movimenti studenteschi.
Presidente dell’Associazione italiana docenti universitari di scienze archivistiche (AIDUSA), è membro del Consiglio superiore dei beni culturali in qualità di vice-presidente del Comitato tecnico per gli archivi (MiBACT).
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Christian Greco

Christian Greco è un egittologo con grande esperienza in ambito museale: formatosi principalmente in Olanda, ha curato moltissimi progetti espositivi e di curatela in Olanda, Giappone, Finlandia, Spagna, Scozia, Cina, Stati Uniti e Brasile.
Direttore del Museo Egizio di Torino dal 2014, ne ha guidato il progetto di ri-funzionalizzazione e il rinnovo dell’allestimento, trasformando l’Egizio da museo antiquario a museo archeologico.
L’attività di insegnamento lo vede impegnato in corsi di cultura materiale dell’antico Egitto e di museologia per l’Università di Torino e di Pavia, la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, la Scuola IUSS di Pavia. Inoltre, partecipa come lecturer a master universitari di Comunicazione e Management museali, portando la testimonianza della propria esperienza.
Non abbandona il lavoro sul campo archeologico: è dal 2015 co-direttore della missione archeologica italo-olandese a Saqqara.
Al suo attivo ha molteplici pubblicazioni, divulgative e scientifiche, e numerose partecipazioni a convegni internazionali di egittologia e di museologia come keynote speaker.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Gianfranco Maraniello

Gianfranco Maraniello è critico d’arte e museologo. Insegna presso l’Università IULM a Milano e collabora con l’Università LUISS di Roma per il Master of Art. Già Presidente di AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani, membro del Consiglio d’Amministrazione della Pinacoteca di Brera e Direttore del MAMbo di Bologna (2007-2013), dell’Istituzione Bologna Musei (2013-2015) e del Mart di Trento Rovereto (2015-2020), è membro del Comitato Scientifico della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano e collabora per le attività e lo sviluppo della Collezione Farnesina – MAECI. Precedentemente Curatore presso il Palazzo delle Papesse di Siena e per il MACRO di Roma, è stato commissario della Biennale di Shanghai nel 2006 e di varie mostre internazionali. È autore di numerosi saggi e monografie e ha tenuto conferenze e lezioni magistrali in musei, università e rassegne come il Festival della Filosofia a Modena.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Anna Marson

Anna Marson è professore ordinario di Tecnica e pianificazione urbanistica presso la Facoltà di Pianificazione dell’Università IUAV di Venezia.
Laureata in Urbanistica a Venezia nel 1982, dottore di ricerca in Pianificazione territoriale nel 1989, nel 1992 inizia la carriera universitaria come ricercatore, divenendo professore associato e infine professore ordinario del settore Tecnica e pianificazione urbanistica, nel 2013.
Oltre all’attività accademica, svolge attività di consulenza scientifica e professionale, nel campo della pianificazione e delle politiche territoriali, per enti pubblici ed enti locali nell’ambito di convenzioni universitarie o di incarichi pubblici esterni.
Da aprile 2010 a giugno 2015 è stata in aspettativa obbligatoria come Assessore all’urbanistica, pianificazione del territorio e paesaggio della Regione Toscana. Nel luglio 2015 è stata nominata componente della segreteria tecnico-scientifica dell’Osservatorio nazionale sulla qualità del paesaggio (MiBACT).
Ha all’attivo libri, saggi e articoli sui temi dell’urbanistica e della pianificazione del territorio.
Nominata con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Gino Roncaglia

Gino Roncaglia è professore di Digital Humanities e di Editoria digitale presso l’Università di Roma Tre. Già professore associato e direttore del Master Universitario in e-Learning e del Corso Avanzato sul futuro del libro presso l’Università della Tuscia, Viterbo. È autore di numerosi libri e articoli accademici sia nel campo della storia della logica che nel campo delle digital humanities, tra cui il libro di testo italiano più venduto sui nuovi media “Il mondo digitale”, con Fabio Ciotti. È anche coautore del libro best seller italiano sull’uso di Internet, “Internet. Manuale per l’uso della rete”. Tra i suoi ultimi libri “Cosa succede a settembre. Scuola e didattica a distanza ai tempi del COVID-19”; “L’età della frammentazione. Cultura del libro e scuola digitale”, “La quarta rivoluzione. Sei lezioni sul futuro del libro”. È consulente scientifico per la sezione culturale e didattica della RAI, ed è stato consulente scientifico e autore di alcune trasmissioni televisive sui nuovi media dal 1996 in poi. È professore onorario dell’Universidad Nacional de Villa María (Argentina).
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Pier Luigi Sacco

Pier Luigi Sacco è Professore di Economia della Cultura e delegato del Rettore alle reti internazionali e ai progetti europei presso l’Università IULM di Milano, Senior Advisor all’OCSE (Parigi-Trento), Senior Researcher presso la Fondazione Bruno Kessler di Trento e presso il metaLAB (at) Harvard. E’ stato Special Adviser del Commissario Europeo all’Istruzione e alla Cultura, Faculty Associate al Berkman-Klein Center for Internet and Society, Harvard University, e Visiting Professor e Visiting Scholar presso la Harvard University. E’ membro del consiglio scientifico della Europeana Foundation, dell’Advisory Council on Scientific Innovation della Repubblica Ceca e dell’Advisory Council di Creative Georgia. Lavora a livello internazionale nel campo dello sviluppo locale a base culturale ed è autore di più di 200 saggi pubblicati su riviste peer reviewed e libri presso i maggiori editori scientifici internazionali.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.

Mariella Utili

Mariella Utili è laureata e perfezionata in Storia dell’arte.
Dal dicembre 1978 ha lavorato presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ricoprendo numerosi incarichi dirigenziali in diversi Istituti del territorio nazionale. Tra il 1986 e il 2011 è stata Direttore del Museo di Capodimonte a Napoli, coordinando il complesso intervento di restauro del palazzo e il nuovo ordinamento delle collezioni museali e ricevendo per questo lavoro la onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Successivamente, tra il 2012 e il 2019 ha diretto la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici di Parma e Piacenza, il Polo museale regionale della Campania, il Servizio IV – Circolazione della Direzione generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Ministero a Roma, il Segretariato regionale della Campania.
È stata membro del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici del Ministero e vice presidente del Comitato tecnico-scientifico dei musei e della economia della cultura.
Ha diretto numerosi cantieri di restauro in importanti edifici religiosi del centro storico di Napoli e ha ricoperto incarichi di docenza in corsi e master universitari.
Ha pubblicato saggi e ricerche su vari argomenti attinenti alla pittura meridionale e la museografia; ha curato numerose mostre di rilievo internazionale, in collaborazione con le più prestigiose istituzioni italiane e straniere; ha partecipato in più riprese a convegni e dibattiti in Italia, Europa e Stati Uniti.
Nominato con Determina 70/2021 del 28/06/2021.