Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

FAM Fabbrica delle arti e dei mestieri Prima Zecca d’Italia

progetto di ricerca e analisi per la definizione del business model

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. (Poligrafico) svolge attività di promozione e diffusione del patrimonio storico-artistico, di rilievo nazionale, soprattutto nel settore delle arti metalliche e grafiche.
Da marzo 2019 l’istituto è impegnato in un ambizioso progetto di riqualificazione del complesso architettonico di via Principe Umberto in Roma, già sede della prima Zecca dell’Italia unita e tuttora sede della Scuola dell’Arte della Medaglia (SAM): il progetto prevede la trasformazione dell’immobile in un polo culturale multifunzionale, denominato Fabbrica delle Arti e dei Mestieri (FAM).

Ambito di indagine

In via Principe Umberto nascerà un centro polifunzionale in cui dilaogheranno l’identità storica del luogo  con le più innovative soluzioni architettoniche e tecnologiche: un polo museaele dedicato alla produzione del Poligrafico, spazi espositvi termporanei anche dedicati alla storia, alla cultura e alla tradizione dei mestieri dell’arte, della grafica e della manifattura italiane, attività didattiche, biblioteca e archivi, servizi aggiuntivi, uffici, foresteria, la Scuola dell’arte e della Medaglia.

Quale il modello di gestione per un luogo di architettura industriale complesso restituito con nuova veste e nuova finalità alla collettività?
Un progetto di ricerca congiunto tra Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. e Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali può rappresentare lo strumento che accompagni l’operazione di trasformazione in un’ottica di sostenibilità (economica, gestionale e organizzativa) necessaria all’Istituto e con la giusta sensibilità ai fabbisogni del sistema del patrimonio culturale insita nella attività istituizionale della Fondazione.

Programma e obiettivi

La ricerca passa per le seguenti tappe:

  • analisi interna
  • analisi di contesto
  • analisi di benchmark
  • definizione del modello del sistema di offerta
  • valutazione e indicazioni in merito ai risvolti progettuali

Il programma di ricerca e analisi è coordinato da un gruppo di coordinamento composto da tre membri di IPZS e tre di FSBAC.

uno sguardo

a che punto siamo

tutte le ricerche in corso

Le attività formative internazionali MiBACT

Le attività formative internazionali MiBACT

Le competenze italiane in materia di conservazione e tutela, impegnano il MIBACT e il Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio in iniziative di formazione, addestramento e assistenza all’estero. Dall’ esigenza, condivisa dal Segretariato Generale del Ministero e dalla Fondazione stessa, di avere un quadro sistematizzato di questa offerta nasce il progetto di ricognizione sistematica delle attività: un report biennale delle iniziative svolte costituisce una base conoscitiva valorizzare l’impegno dell’Italia nel campo della cooperazione internazionale e della diplomazia culturale.

L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale

L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale

L’Unione Europea ha dichiarato il 2018 “Anno Europeo del patrimonio culturale” e il Segretariato generale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il Turismo ne ha coordinato l’Agenda italiana.
A distanza di poco più di un anno dalla sua conclusione, l’esigenza di valutare gli effetti di questa iniziativa sulle imprese culturali e creative, sulla partecipazione culturale e sui policy leader.

Una città, venti musei: quattro distretti

Una città, venti musei: quattro distretti

Per migliorare l’offerta pubblica dei suoi Musei, Milano guarda alle più interessanti e avanzate esperienze internazionali e lavora a un piano strategico che reinventa la relazione tra i musei civici, la città e il pubblico. L’ indagine della Direzione Cultura del Comune di Milano è realizzata in collaborazione con questa Fondazione e con il Centro di Ricerca ASK Università Bocconi, l’ICAMT e PTSCLAS.

La tutela del patrimonio culturale: attori, contesti, sfide

La tutela del patrimonio culturale: attori, contesti, sfide

La tutela, fiore all’occhiello delle nostre politiche culturali, è oggi al centro di un profondo ripensamento, complici la rinnovata concezione di patrimonio culturale e il riconoscimento indiscusso di un ruolo attivo a cittadini e comunità. Una indagine sulla possibilità di nuove azioni in linea con le esigenze dell’attualità.

Competenze per il patrimonio culturale: profili, formazione e reclutamento

Competenze per il patrimonio culturale: profili, formazione e reclutamento

La ricerca intende acquisire un quadro conoscitivo dinamico sui profili professionali del patrimonio culturale e sui relativi sistemi di formazione e reclutamento. Tale tema, oltre ad essere al centro di un dibattito europeo, risulta di prioritario interesse per la missione della Fondazione stessa.