Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

3 August 2023

Organizzare le attività e le persone” è il tema del secondo modulo didattico del corso-concorso  per i dirigenti tecnici del Ministero della cultura: un percorso di alta formazione avviato il 31 maggio 2023, della durata di sette mesi, disegnato ad hoc per facilitare nei futuri dirigenti, attesi negli istituti di tutto il territorio, lo sviluppo di conoscenze e competenze specifiche per i contesti operativi in cui i futuri dirigenti vanno a operare.

Dopo un’immersione iniziale in temi di ampio respiro relativi ai contesti ed alle politiche del patrimonio culturale, in questo torrido luglio, l’attenzione si è spostata ai temi della gestione, quindi alle conoscenze e competenze necessarie a governare i processi di innovazione e di cambiamento organizzativo, con focus tematici sul diritto del lavoro pubblico, sulla negoziazione e sulla contrattazione sindacale e con affondi sulla leadership e la gestione dei conflitti.
Con una duplice prospettiva, sempre rivolta sia alle sfide di gestione interna che all’azione sul territorio, sono stati esaminati aspetti teorici e forniti strumenti per la misurazione e la valutazione della performance e dei servizi pubblici digitali.

I docenti e gli esperti coinvolti si sono interfacciati con la diversità di istanze e di interrogativi dei corsisti, professionisti con profili differenti e destinati a settori di intervento distinti (area Archivi e Biblioteche, area Soprintendenze archeologia belle arti e paesaggio, area Musei): i diversi linguaggi professionali, le diverse esperienze, le diverse aspirazioni hanno messo in evidenza la necessità di lavorare su una visione integrata, sulla comunicazione istituzionale, sulla conoscenza degli strumenti amministrativi e sulla formazione continua.

Alternando lezioni frontali a dibattiti, analisi di casi di studio a momenti di confronto, i partecipanti si sono messi in gioco e hanno attivato il loro spirito critico. Il corso-concorso evolve così in un corso-percorso verso un’identità professionale, quella del dirigente tecnico, multiforme, esperto ed attento alle specificità di un settore e alle necessità di un pubblico in continua evoluzione.