Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

7 June 2021

Nel quadro di una giornata di studi di alto profilo scientifico, la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali ha presentato ad una platea internazionale “Musei In_Visibili: visioni di futuro per i musei italiani dopo l’emergenza Covid-19”, l’indagine con la quale, sin da principio, ha partecipato alla riflessione collettiva su quanto stava accadendo nel mondo delle istituzioni museali, a fronte della loro chiusura totale ed improvvisa.
In linea con la sua natura di osservatorio dei fabbisogni del sistema culturale – tramite un’attività di ricerca applicata e orientata a tracciare strade praticabili verso l’innovazione– la Fondazione ha condotto questa indagine alla ricerca di priorità e linee di intervento concrete per far fronte all’emergenza e per garantire la sostenibilità dei musei italiani.

I risultati della ricerca in breve

La valorizzazione dei musei periferici e la promozione del patrimonio locale; l rafforzamento della formazione del personale alle risorse digitali, insieme con l’improcrastinabile integrazione delle esperienze reali con quelle virtuali; l’attenzione al pubblico residente e il coinvolgimento dei visitatori, in un rapporto empatico e di continuità, il rafforzamento di reti e collaborazione tra ministeri, enti di ogni livello, comunità e, ancora, sono alcuni degli elementi da non sottovalutare per un settore che deve trasformarsi per poter ripartire.

Il metodo della ricerca in breve

Una ricognizione della letteratura nazionale ed internazionale sui possibili effetti della pandemia sul settore museale, condotta tra marzo e maggio 2020, ha permesso di classificare gli effetti dell’emergenza sanitaria che, con maggiore frequenza, parevano tali da produrre cambiamenti rilevanti per il futuro. Successivamente, un questionario somministrato agli operatori del settore è servito invece a determinare la probabilità e la rilevanza (percepite) degli impatti attesi.  L’elaborazione dei dati restituisce una “mappatura dei rischi” e, dunque, delle priorità sulle quali intervenire per garantire la ripresa ed il futuro dei musei del nostro Paese.

La conferenza internazionale

La conferenza internazionale “Visions and perspectives for museums and cultural institutions: six studies towards a New Normal”, tenutasi lunedì 7 giugno 2021 è stata l’occasione per una riflessione corale sugli impatti della pandemia sul settore culturale, ed in particolare sui musei, ancora un volta con l’obiettivo di individuare modalità di intervento per il futuro, nell’ottica di una nuova normalità.

L’incontro – moderato da Annalisa Cicerchia, economista della cultura – ha visto la partecipazione di esperti di organizzazioni internazionali – quali ICOM (International Council of Museums), NEMO (Network of European Museum Organisations) e OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) – e ricercatori indipendenti, impegnati a descrivere, comprendere ed anticipare gli impatti della pandemia sui musei e proporre idee per far fronte alla crisi che il settore si trova ad affrontare.
Si sono confrontati Andrea Jones, Associate Director of Education – Smithsonian’s Anacostia Community Museum, Peter Keller, Director General ICOM, Elizabeth Rosenbergh, Project Officer NEMO, Pierluigi Sacco, Senior Advisor e Ekaterina Travkina, Coordinator Culture, Creative Industries and Local Development EOCD, e Martina Fraioli, IDEA Consult, autrice dello studio “Cultural and creative sectors in post-Covid-19 Europe – crisis effects and policy recommendations”.

Un’occasione unica per fare memoria di quanto accaduto e delineare nuovi scenaripartendo anche dal valore intrinseco e simbolico dei musei ad oggi imprescindibile per una migliore capacità di risposta alla grande sfida della definizione di una nuova normalità.

Il video della conferenza internazionale “Visions and perspectives for museums and cultural institutions: six studies towards a New Normal”,  è disponibile on demand,dalla seconda metà di giugno, sulla nostra piattaforma di e-learning fad. fondazionescuolapatrimonio.it