Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

25 October 2023

Dal 7 al 21 novembre, su su fad.fondazionescuolapatrimonio.it, è disponibile per la fruizione live (e successivamente per la fruizione on demand), un ciclo di tre webinar dedicati a “La trasformazione digitale del patrimonio culturale”.
È una nuova tappa del percorso formativo di avvicinamento ai temi della transizione digitale in generale e della trasformazione digitale del patrimonio culturale in particolare.

Il ciclo fa parte della offerta formativa di Dicolab. Cultura al digitale, il programma formativo che, da oggi al 2026, vuole affiancare i professionisti e le organizzazioni del settore culturale nel processo di trasformazione digitale: liberi professionisti, dipendenti (pubblici e privati), laureandi e ricercatori, archivisti, bibliotecari, museali, architetti, paesaggisti, archeologi, demoetnoantropologi, storici dell’arte, restauratori, funzionari, amministrativi, tecnici, comunicatori – solo per dirne alcuni – possono liberamente iscriversi alle proposte formative che, sempre più numerose, sono disponibili su fad.fondazionescuolapatrimonio.it.

La trasformazione digitale del patrimonio culturale. I webinar

Familiarizzare con le parole e i concetti della trasformazione digitale del patrimonio culturale è premssa fondamentale per ripensare la sfera patrimoniale stessa e utilizzare in chiave strategica il Piano Nazionale di Digitalizzazione del patrimonio culturale (PND).
È Roberto Balzani, nel primo webinar in programma, che invita a pensare il processo di digitalizzazione del patrimonio culturale non solo come raccolta, ordinamento e catalogazione di risorse in ambiente digitale, ma quale occasione di costruzione di nuovi paradigmi culturali. Federico Badaloni rimarca come non sia l’ambiente digitale in sé a produrre nuovi significati quanto piuttosto la relazione tra risorse digitali e utenti. Chiude il ciclo Altheo Valentini rammentando lo scenario più ampio di transizione verso un mondo più sostenibile e inclusivo in cui si colloca la trasformazione digitale del patrimonio culturale.

Il calendario

7 novembre 2023, ore 16:00-17:00 Roberto Balzani
Digitale e patrimonio
14 novembre 2023, ore 16:00-17:00 Federico Badaloni
Relazioni digitali
21 novembre 2023, ore 16:00-17:00 Altheo Valentini
Europa e patrimonio culturale digitale

Il ciclo fa parte di un più ampio e articolato percorso formativo

La trasformazione digitale del patrimonio culturale. Il percorso

Il percorso formativo nella sua interezza favorisce la creazione di un linguaggio comune sui temi della trasformazione digitale del patrimonio culturale, dagli obiettivi del PNRR nel settore cultura
agli oggetti e soggetti coinvolti nel Piano Nazionale di Digitalizzazione, per promuovere una visione condivisa dei processi di trasformazione in atto, facilitare l’individuazione delle azioni da intraprendere e garantirne una sostenibilità nel tempo.

Attraverso video pillole, webinar e corsi multimediali sono presentati e approfonditi temi, concetti e buone pratiche, guardando ai processi di digitalizzazione del patrimonio culturale non solo come raccolta, ordinamento e catalogazione in ambiente digitale ma quale momento di costruzione di nuovi paradigmi culturali, di nuove relazioni con gli utenti e di un futuro che ha tre direttrici: trasformazione digitale, transizione ecologica e un mondo più democratico ed inclusivo.

Approfondimenti
Modalità di adesione

I webinar sono disponibili live sulla piattaforma e-learning della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali fad.fondazionescuolapatrimonio.it
Dopo l’edizione live, i webinar sono resi disponibili per la fruizione on demand.

  • L’accesso è libero e gratuito previa registrazione alle piattaforma
  • La individuazione dei partecipanti tra i dipendenti del Ministero della cultura è curata direttamente dall’Amministrazione ministeriale secondo quanto disposto dalla Circolare DGERIC n. 24 dell’11 ottobre 2023.