Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

3 August 2022

Si sono svolte a Roma, il 5 e il 6 luglio, le due prove scritte del “Concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di settantacinque allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per il reclutamento di cinquanta dirigenti di seconda fascia, da inserire nel ruolo della dirigenza tecnica del Ministero della cultura, nelle seguenti aree: archivi e biblioteche, soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio, musei” .

La Commissione esaminatrice – con la sua articolazione nelle tre “Sottocommissione A-Archivi e biblioteche”, “Sottocommissione B-Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio”, “Sottocommissione C-Musei” – sta lavorando alla correzione degli elaborati e alla valutazione delle prove.  Si prevede che i lavori si concludano tra la seconda metà di settembre e la prima metà di ottobre.

In vista della pausa estiva, auguriamo buone vacanze a tutti i candidati, con l’invito a tornare sulle pagine di questo sito per successivi aggiornamenti e nuove informazioni.

Approfondimenti
Prove scritte

Vai all’avviso in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 48 del 17 giugno 2022

Tutte le informazioni

Vai alla sezione dedicata sul nostro sito
https://www.fondazionescuolapatrimonio.it/corso-concorso-dirigenti-ministero-cultura/

Per richieste di chiarimento scrivi a
corsoconcorso.dirigenzatecnica.mic@pec.it

Nota bene!
A garanzia che le comunicazioni circa la procedura concorsuale avvengano esclusivamente fra indirizzi certificati, la casella di PEC corsoconcorso.dirigenzatecnica.mic@pec.it non consente la ricezione di e-mail provenienti da indirizzi di posta elettronica standard: infatti, la trasmissione effettuata da email standard a PEC e da PEC a email standard non avrebbe valore legale di certificazione e non garantirebbe, quindi, l’opponibilità a terzi dell’avvenuta consegna.