Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

Itinerari culturali

un modello di valorizzazione del patrimonio diffuso: strategie e raccomandazioni

Il programma degli Itinerari Culturali è stato avviato dal Consiglio d’Europa nel 1987 con la Dichiarazione di Santiago de Compostela.

Gli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa sono un’iniziativa mirata a favorire la scoperta del ricco e variegato patrimonio culturale europeo, creando una rete di persone e luoghi legati tra loro grazie a una storia e a un patrimonio comuni. Propongono un ambito di applicazione dei valori del Consiglio d’Europa in tema di diritti umani, diversità culturale, dialogo e scambi interculturali, concentrandosi su tematiche molto diverse tra loro, quali l’architettura e il paesaggio, la religione, la gastronomia e il patrimonio immateriale, fino ai grandi maestri dell’arte, della musica e della letteratura europee. Intorno a questi temi, i soggetti che animano gli itinerari offrono un’ampia gamma di attività ricreative ed educative rivolte a tutti i cittadini, sia europei che extraeuropei, rappresentando dunque una risorsa chiave per il turismo responsabile e lo sviluppo sostenibile.

Il progetto

Il Ministero della Cultura italiano partecipa da tempo all’iniziativa e il Segretariato Generale ha richiesto, per la promozione di questo modello di valorizzazione del territorio, la collaborazione della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali.

Programma e obiettivi

L’analisi dell’attuazione del programma Itinerari culturali ad oggi in Italia, chiarendone punti di forza e di debolezza, criticità e opportunità di crescita, mira sia a disegnare una strategia per sostenere e far crescere l’adesione al programma a livello nazionale sia a produrre indicazioni sul contributo che il modello degli itinerari culturali, fortemente partecipato, può dare alle politiche di valorizzazione del patrimonio diffuso e di sviluppo sostenibile dei territori.

L’analisi sarà accompagnata da alcune azioni pilota applicate che riguarderanno sia il rafforzamento della rete dei proponenti che la promozione del programma.

a che punto siamo