Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

programma Capitale italiana della cultura

analisi e valutazione dell'iniziativa

A partire dalla sua istituzione, il programma “Capitale italiana della cultura” ha raccolto candidature da numerose città in tutto il contesto nazionale, affermandosi come occasione di promozione di progetti di valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale. A otto anni dalla prima edizione, il Segretariato generale del Ministero della cultura desidera avviare una riflessione per analizzare e valutare gli effetti sui territori delle città vincitrici.

La Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, interessata a approfondire il modello “Capitale italiana della cultura” e ad analizzare gli aspetti metodologi relativi alla valutazione degli impatti dei progetti di sviluppo a base culturale, accompagna il Ministero in questo percorso di analisi e riflessione metodologica.

Il contesto

Il programma “Capitale italiana della cultura” è stato istituito nel 2014, a seguito della grande partecipazione delle città italiane alla selezione per la “Capitale europea della cultura” del 2019, che vide Matera come città vincitrice. L’iniziativa mira a “sostenere, incoraggiare e valorizzare la capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura” e a promuovere il miglioramento dell’offerta culturale e dell’accessibilità, sviluppare l’imprenditorialità nei settori culturali e creativi e favorire il perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Agenda 2030.
Sono state insignite del titolo le città di Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena nel 2015, Mantova nel 2016, Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018, Parma nel 2020-2021. Procida è la capitale per il 2022, mentre Bergamo e Brescia, per il 2023.

Il progetto di analisi

La valutazione degli effetti degli interventi culturali è un tema particolarmente stimolante da un punto di vista scientifico e metodologico. Quali criteri e quali metodi adottare per valutare gli effetti a medio termine di una iniziativa? In quale misura è possibile applicare i metodi della ricerca sociale al campo culturale?
Sulla scorta dell’esperienza acquisita nel corso dello studio condotto nel 2019 per la valutazione degli impatti dell’Anno europeo del patrimonio culturale in Italia – indagine realizzata anch’essa in collaborazione con il Segretariato generale del Ministero della cultura – per il programma “Capitale italiana della cultura”, intendiamo realizzare un’analisi per la valutazione ex post e in itinere.
A partire da una riflessione metodologica sui più appropriati indicatori e metodi di misurazione, si intende valutare l’impatto ex post dell’iniziativa sulle imprese culturali e creative del territorio, sulla partecipazione culturale e sui policy maker. Inoltre, la valutazione in itinere del programma di Procida “Capitale italiana della cultura” 2022 permette l’applicazione sul campo di metodi sperimentali.
Risultato atteso complessivo di questo progetto è quello di fare un’analisi critica sui modelli per il monitoraggio e la valutazione in corso d’opera delle attività culturali e offrire possibili modelli o linee guida alle prossime capitali della cultura e agli operatori della cultura.

Le fasi

A seguito della creazione del gruppo di lavoro, si procede ad una prima analisi di contesto, attraverso lo spoglio della documentazione già disponibile: report, eventuali monitoraggi e programmi di valutazione realizzati dalle città vincitrici. L’individuazione di metodologie qualitative e quantitative da applicare sia per la valutazione ex-post delle passate “Capitali italiane della cultura” che per la valutazione in itinere del programma di Procida 2022, è funzionale alla raccolta e analisi di dati, a partire dagli indicatori individuati. Gli esiti della valutazione confluiscono, infine, in un rapporto di sintesi, nell’elaborazione di linee guida per la valutazione del programma “Capitale italiana della cultura” e in un database che sistematizzi i dati raccolti.

a che punto siamo

tutti i progetti di innovazione e sperimentazione

Capitale italiana della cultura 2024: capacity building

Un programma per sostenere i progetti di sviluppo a base culturale delle città finaliste alla selezione “Capitale italiana della cultura”, per l’anno 2024. Il Ministero della cultura e la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali hanno ideato un percorso innovativo per accompagnare le città finaliste nella realizzazione dei progetti più meritevoli, rafforzare le competenze dei promotori e le reti territoriali.

Capitale italiana della cultura 2024: capacity building
Per un Osservatorio nazionale del Patrimonio immateriale UNESCO

La Fondazione affianca il Segretariato Generale del Ministero della cultura, lavorando alla predisposizione di un modello operativo per l’avvio e la sostenibilità dell’Osservatorio Nazionale del patrimonio immateriale UNESCO, che monitori, comprenda, orienti lo stato e le attività degli elementi italiani iscritti nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO.

Per un Osservatorio nazionale del Patrimonio immateriale UNESCO
Itinerari culturali

Il programma degli Itinerari Culturali è stato avviato dal Consiglio d’Europa nel 1987 con la Dichiarazione di Santiago de Compostela. Su territorio italiano si sviluppano 27 degli Itinerari Culturali certificati. La Fondazione Sscuola dei beni e delle attività culturali affianca il Segretariato Generale del Ministero della cultura nella realizzazione di una strategia nazionale per la promozione di questo innovativo modello di valorizzazione del territorio.

Itinerari culturali
FAM Fabbrica delle arti e dei mestieri

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. e la Fondazione avviano una ricerca congiunta mirata a definire, in un’ottica di sostenibilità economica, gestionale e organizzativa, il modello di gestione e il business case del nuovo polo culturale multifunzionale, denominato Fabbrica delle Arti e dei Mestieri (FAM). Sorgerà nella sede della prima Zecca dell’Italia unita.

FAM Fabbrica delle arti e dei mestieri
L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale

L’Unione Europea dichiara il 2018 “Anno Europeo del patrimonio culturale” e il Segretariato generale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il Turismo ne coordina l’Agenda italiana. A distanza di un anno, una valutazione degli effetti di questa iniziativa sulle imprese culturali e creative, sulla partecipazione culturale e sui policy leader.

L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale
Rapporti tra pubblico e privato nel Parco Sommerso di Baia

La ricerca, in essere con la collaborazione tra Parco Archeologico dei Campi Flegrei e Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività culturali, analizza – ai fini di una nuova definizione e regolamentazione – i rapporti fra il Parco e gli operatori che svolgono le proprie attività imprenditoriali all’interno del Parco Sommerso di Baia.

Rapporti tra pubblico e privato nel Parco Sommerso di Baia
Una città, venti musei: quattro distretti

Per migliorare l’offerta pubblica dei suoi Musei, Milano guarda alle più interessanti e avanzate esperienze internazionali e lavora a un piano strategico che reinventa la relazione tra i musei civici, la città e il pubblico. L’ indagine della Direzione Cultura del Comune di Milano è realizzata in collaborazione con questa Fondazione e con il Centro di Ricerca ASK Università Bocconi, l’ICAMT e PTSCLAS.

Una città, venti musei: quattro distretti
Agenda Urbana

La ricerca intende acquisire un quadro conoscitivo dinamico sui profili professionali del patrimonio culturale e sui relativi sistemi di formazione e reclutamento. Tale tema, oltre ad essere al centro di un dibattito europeo, risulta di prioritario interesse per la missione della Fondazione stessa.

Agenda Urbana