Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

12 June 2023

Apre il 5 giugno “Caschi Blu per la Cultura.Il Patrimonio Culturale in caso di catastrofe: rischi e interventi di sicurezza”, il corso rivolto a circa 60 funzionari pubblici di 7 Paesi italo-americani (Bolivia, Costa Rica, Ecuador, Guatemala, Messico, Perù e Repubblica Dominicana) nato per condividere esperienze e buone pratiche di intervento in scenari di emergenza, al fine di proteggere il patrimonio culturale esposto a rischi in caso di disastri naturali o provocati dall’uomo.

Fino al 16 giugno, esperti italiani del Ministero della Cultura e del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, con esperti messicani provenienti da varie istituzioni pubbliche, animano sessioni teoriche ed esercitazioni pratiche per i colleghi latino-americani provenienti da forze di polizia, forze armate, protezione civile e pompieri, dal Ministero della Cultura, oltre a restauratori e conservatori del patrimonio: una vera e propria task force italo-latinoamericana per la protezione del patrimonio culturale.

Nell’arco di due settimane, attraverso dodici sessioni tematiche i partecipanti approfondiscono gli strumenti per la valutazione e la gestione del rischio, conoscono il modello organizzativo italiano e quello della task force Caschi Blu per la Cultura, con i relativi casi di studio; quattro sessioni di esercitazioni pratiche sono dedicate alla rimozione e al recupero di beni culturali  a interventi di messa in sicurezza, imballaggio, trasporto, scorta, stoccaggio e catalogazione; alla evacuazione di una chiesa, di un museo o di un altro sito culturale; a completare l’esperienza, cinque visite studio a siti e istituzioni culturali.

Inoltre, il programma formativo è l’occasione per diverse sessioni di confronto e per una sessione di restituzione e discussione finale, durante le quali i funzionari dei Paesi latino americani coinvolti illustrano i diversi protocolli in atto nei rispettivi sistemi nazionali per la gestione integrata del rischio, protezione civile e patrimonio culturale e sugli interventi di emergenza in caso di disastri naturali.

Alla cerimonia di inaugurazione, nella sede della Coordinación Nacional de Conservación del Patrimonio Cultural all’Ex Convento di Churubusco a Città del Messico, apre i lavori l’Ambasciatore d’Italia in Messico Luigi De Chiara, che rappresenta il dovere collettivo di preservare il patrimonio ereditato da civiltà millenarie.
Con il Segretario Generale IILA Antonella Cavallari e il Segretario Culturale IILA Jaime Nualart che ribadiscono il forte impegno dell’IILA per la conservazione e valorizzazione dell’immenso patrimonio tangibile e intangibile dei Paesi latinoamericani e caraibici, in quanto simbolo di identità individuale, sociale e comunitaria, interviene per la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali il nostro direttore Alessandra Vittorini che mette in rilievo la stringente attualità dei temi trattati nel corso: su questi temi, dal cambiamento climatico alla sicurezza, la Fondazione è infatti impegnati in attività di formazione e di ricerca, sia sul versante nazionale che internazionale.

Approfondimenti

La nostra pagina dedicata a Patrimonio Cultural. Los riesgos y su gestión