Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

3 November 2021

Sviluppare una rete per l’internazionalizzazione del sistema italiano, permettendo di stabilire rapporti di collaborazione con istituzioni straniere del settore e attuare uno scambio di buone pratiche fra funzionari italiani e greci: questi gli obiettivi principali del programma di formazione continua e aggiornamento professionale, curato da Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e SAIA Scuola Archeologica Italiana di Atene e rivolto ai dipendenti del Ministero della cultura italiano.

Il programma

Negli ultimi anni, la Grecia è stata un cantiere di attività per la musealizzazione e la valorizzazione del patrimonio archeologico, ideando soluzioni innovative sia dal punto di vista architettonico che gestionale, anche attraverso l’attivazione di partenariati pubblico-privati.

Ai candidati selezionati – 10 funzionari del Ministero della cultura – è proposto un periodo di formazione e studio in Grecia, con tavoli di lavoro e visite a musei e siti archeologici, guidati da docenti della SAIA Scuola Archeologica di Atene e funzionari delle Soprintendenze greche.
Quattro i macro-temi su cui i professionisti italiani e stranieri potranno confrontarsi:

  • gestione e valorizzazione di complessi e aree archeologiche in regime di partenariato pubblico-pubblico e/o pubblico-privato;
  • musealizzazione di siti archeologici in contesti pubblici e privati;
  • definizione di progetti innovativi per l’archeologia preventiva;
  • programmazione di piani di educazione al patrimonio attraverso l’archeologia.

Nel corso della loro permanenza ad Atene, i funzionari italiani avranno dunque modo di entrare in contatto con alcune delle istituzioni culturali greche reponsabili di recenti esperienze di musealizzazione e valorizzazione di siti e aree archeologiche in ambito urbano e extra-urbano: il Museo dell’Acropoli di Atene; il Centro culturale della Fondazione Stavros Niarchos; la rete delle stazioni metropolitane di Atene; il Museo Archeologico di Calcide “Aretusa”.

A conclusione del programma, i partecipanti scriverano una proposta di attività di approfondimento da svolgersi in un successivo periodo di lavoro e ricerca presso uno dei siti greci partner. I tre progetti meglio calibrati su fabbisogni specifici dell’ente di appartenenza e che incontrino l’interesse delle istituzioni ospitanti potranno eventualmente essere selezionati per un successivo progetto di Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali “Competenze in movimento” dedicato allo scambio di professionisti del settore a livello internazionale.

Approfondimenti

Sito istituzionale Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali
Sito istituzionale SAIA-Scuola Archeologica Italiana di Atene

Immagine in evidenza
Caryatids from the Erechtheion on the Acropolis, her hair is braided and falls in a thick rope down her back, Acropolis Museum, Athens
Carole Raddato from FRANKFURT, Germany, CC BY-SA 2.0, attraverso Wikimedia Commons