Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

Author
Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali
Year
2021
PDF
Sfoglia

 10.53125/Strumenti202101

Quest’opera è rilasciata sotto i termini della licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA: 4.0https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/legalcode).

 Quote

Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, Rapporti pubblico/privato nel Parco Sommerso di Baia del Parco archeologico dei Campi Flegrei: un modello per la regolazione dei rapporti , 2021, [rapporto finale di ricerca, sintesi], <www.fondazionescuolapatrimonio.it>.

Questo documento è il rapporto di sintesi dello studio promosso dalla Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e dal Ministero della cultura- Parco archeologico dei Campi Flegrei, con omonimo titolo, Rapporti pubblico/privato nel Parco Sommerso di Baia del Parco archeologico dei Campi Flegrei: un modello per la regolazione dei rapporti.

La Direzione del Parco dei Campi Flegrei ha ritenuto opportuno rivedere in modo puntuale ed urgente alcuni degli aspetti che riguardano le modalità di collaborazione fra pubblico e privato nella fruizione del Parco di Baia: una esplorazione ideata come un percorso che si snoda, anziché attraverso delle sale, tra le boe a cui gli operatori si ormeggiano per condurre i visitatori alla scoperta della città sommersa.  Lo studio approfondisce tanto gli aspetti giuridici che quelli economici del rapporto con i soggetti privati che operano all’interno del Parco, garantendone la fruibilità; affrontando tali nodi critici, mette a fuoco quale siano gli obiettivi prioritari del Parco, inerenti la tutela, la valorizzazione ma anche la “promozione dello sviluppo socioeconomico compatibile con le rilevanze storico-naturalistico-paesaggistiche dell’area” (come indica il Decreto Istitutivo del Parco stesso).

Con questa breve sintesi, presentiamo i risultati principali dello studio.