Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

16 June 2022

In esito alle risultanze dell’attività di verifica sul possesso dei requisiti di ammissione dei candidati alla procedura concorsuale, effettuato dalla Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali ai sensi degli artt. 3, co. 5, 4, co. 5, e 6, co. 12 del bando di “Concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di settantacinque allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per il reclutamento di cinquanta dirigenti di seconda fascia, da inserire nel ruolo della dirigenza tecnica del Ministero della cultura, nelle seguenti aree: archivi e biblioteche, soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio, musei”, è stato aggiornato l’elenco dei candidati che, superata la prova preselettiva, accedono alle prove scritte.

Ai sensi dell’art. 6, comma 6, del bando, sono ammessi alle prove scritte:

  • per l’Area A – Archivi e biblioteche: i candidati classificati nella graduatoria relativa alla medesima area entro il 144° posto (corrispondente a sei volte il numero degli allievi ammessi al corso-concorso per l’Area A) e i candidati che riportano lo stesso punteggio del candidato collocatosi al 144° posto;
  • per l’Area B – Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio: i candidati classificati nella graduatoria relativa alla medesima area entro il 216° posto (corrispondente a sei volte il numero degli allievi ammessi al corso-concorso per l’Area B) e i candidati che riportano lo stesso punteggio del candidato collocatosi al 216° posto;
  • per l’Area C – Musei: i candidati classificati nella graduatoria relativa alla medesima area entro il 90° posto (corrispondente a sei volte il numero degli allievi ammessi al corso-concorso per l’Area C) e i candidati che riportano lo stesso punteggio del candidato collocatosi al 90° posto.

Alle prove scritte accedono, inoltre, i candidati che hanno presentato domanda di partecipazione al concorso e che, avendo prodotto idonea documentazione attestante lo stato di handicap ai sensi della legge n.104/1992 nonché il riconoscimento di un grado di invalidità uguale o superiore all’80%, hanno ottenuto l’esonero dalla prova preselettiva.

Elenchi candidati che hanno superato la prova preselettiva – aggiornati al 16 giugno 2022

Elenco dei candidati che hanno superato la prova preselettiva – Area A – Archivi e biblioteche

Elenco dei candidati che hanno superato la prova preselettiva – Area B – Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio

Elenco dei candidati che hanno superato la prova preselettiva – Area C – Musei

Prossime tappe

Il calendario delle prove scritte sarà oggetto di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» del 17 giugno 2022.

Approfondimenti
Prove preselettive

Vai all’avviso in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 22 dell’8 aprile 2022

Vai all’avviso in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 22 del 18 marzo 2022

Vai all’avviso in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 12 dell’11 febbraio 2022

Tutte le informazioni

Vai alla sezione dedicata sul nostro sito
https://www.fondazionescuolapatrimonio.it/corso-concorso-dirigenti-ministero-cultura/

Per richieste di chiarimento scrivi a
corsoconcorso.dirigenzatecnica.mic@pec.it

Nota bene!
A garanzia che le comunicazioni circa la procedura concorsuale avvengano esclusivamente fra indirizzi certificati, la casella di PEC corsoconcorso.dirigenzatecnica.mic@pec.it non consente la ricezione di e-mail provenienti da indirizzi di posta elettronica standard: infatti, la trasmissione effettuata da email standard a PEC e da PEC a email standard non avrebbe valore legale di certificazione e non garantirebbe, quindi, l’opponibilità a terzi dell’avvenuta consegna.