Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

6 August 2020

La Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali prenderà parte a CHARTER: Cultural heritage action to refine training, education and roles progetto ammesso al finanziamento, nell’ambito del programma Erasmus+, per la Key Action Cooperation for innovation and the exchange of good practices, Sector Skills Alliances for implementing a new strategic approach (“Blueprint”) to sectoral cooperation on skills .

Il progetto CHARTER è finalizzato a sviluppare una strategia di livello europeo, per le professioni del patrimonio culturale, che tenga conto dell’intero processo: profili, formazione e occupazione.
Attraverso l’analisi, a livello europeo, del rapporto tra profili, formazione e sbocchi professionali , ovviando alla limitatezza dei dati statistici, il progetto intende individuare carenze e criticità del sistema, per sviluppare a lungo termine una strategia (e un masterplan) che colmi il divario tra formazione e occupazione. E che quindi, consenta all’Europa di proteggere, promuovere e valorizzare in modo sostenibile il proprio patrimonio culturale materiale e immateriale.

Riconoscimento importante, questo della Commissione Europea, per un progetto indiscutibilmente ambizioso.
Valore economico complessivo: 4 milioni di euro. Durata del progetto 4 anni.
E opportunità preziosa per la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, che può inserirsi in un dibattito europeo di grande spessore e rilievo su temi cari e nativamente strategici sia per le attività di formazione che di ricerca: nel consorzio proponente il progetto, guidato dall’Università di Barcellona, e composto da altri venti partecipanti e sette partner affiliati, sono rappresentanti i principali attori accademici, istituzionali e professionali nel settore del patrimonio culturale, di ben 14 Paesi europei.

Anche il MInistero per i beni e le attività culturali e il Turismo ha riconosciuto l’importanza strategica di CHARTER fornendo il proprio apporto tramite la Direzione Generale educazione, ricerca e istituti culturali a cui sono, attribuite le competenze in materia di profili professionali nei beni culturali e che è partner associato del progetto.

Si parte nel 2021 e la Fondazione si impegna a mappare a livello europeo i programmi, accademici e non, per la formazione di professionisti del patrimonio culturale, fino ad identificare le competenze chiave e trasversali necessarie per assicurare la sostenibilità del settore in una prospettiva di lungo termine. Questo lavoro si integra perfettamente (ne è la proiezione internazionale) con la ricerca che la Fondazione sta conducendo sul tema dei saperi e delle competenze per il patrimonio culturale e dei relativi profili e modalità di reclutamento.

Approfondimenti

Il sito ufficiale di Erasmus Plus

CHARTER: tutti i partner del progetto

University of Barcelona, Spain, Akademie der bildenden Künste Wien, Austria, E.C.C.O., Belgium, European Historic Houses aisbl, Belgium, ERRIN, Belgium, FARO. Vlaams steunpunt voor cultureel erfgoed, Belgium, ENCATC, Belgium, NEMO (Deutscher Museumsbund), Germany, Kultur und Arbeit, Germany, Finnish Heritage Agency, Finland, ICOMOS, France,  Université Sorbonne Paris 13 Nord, France, Dep. of Culture, Heritage and the Gaeltacht, Ireland, Università degli studi di Genova, Italy, Veneranda Fabbrica del Duomo, Italy, Nacionālā kultūras mantojuma pārvalde, Latvia, Erasmus Universiteit Rotterdam, The Netherlands, Romanian National Heritage Institute, Romania, University of Gothenburg, Sweden, Institute of Cultural Heritage, Slovenia e Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali