Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

9 Giugno 2023

Con la visita di studio a Palazzo del Quirinale, si chiude la prima settimana di lavori del corso-concorso per dirigenti tecnici del Minstero della cultura: un visita particolarmente significativa, in un luogo simbolo del patrimonio culturale italiano, posto al crocevia tra tutela e valorizzazione.
Il Palazzo del Quirinale obbliga alla riflessione sul tema, ricorrente nel sistema italiano dei beni culturali, della gestione della complessità. Il caso concreto delle collezioni del Quirinale e della loro eterogeneità solleva domande (e suggerisce risposte) sul delicato equibrio tra necessità conservative e di valorizzazione in un tale contesto.

Accompagnati da tre storici dell’arte, dipendenti della Presidenza della Repubblica, i corsisti visitano il Palazzo, dalle sale tematiche del piano terra alle sale di rappresentanza del piano nobile.
Dopo la visita, la dott.ssa Marina Giannetto descrive agli ospiti L’archivio storico della Presidenza della Repubblica, sede dell’incontro di studio che segue: la dott.ssa Silvia Viva si sofferma proprio su La gestione dell’apertura al pubblico delle sedi presidenziali mentre il tema della Conservazione e valorizzazione dei beni artistici al Palazzo del Quirinale è trattato dal Dott. Francesco Colalucci e dal dott. Marco Lattanzi. Si parla anche de La comunicazione al Quirinale con il Dott. Martino Merigo mentre l’Ing. Antonino Rigano ci racconta il Quirinale 5.0.

Un confronto animato da colleghi, dunque, che giunge al termine di una settimana di lezioni e laboratori dedicata al modulo didattico I contesti e le politiche, ideato per fornire, ai 63 aspiranti dirigenti del Minsitero della cultura, l’intero quadro di riferimento culturale, politico e amministrativo, in cui andranno ad operare.