Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

6 Ottobre 2022

L’Italia è tra i paesi più virtuosi d’Europa nella produzione e nella diffusione di dati ufficiali su e per la cultura: sono numerosi i soggetti, istituzioni e enti di ricerca che rendono disponibili dati e indicatori relativi ai diversi ambiti culturali. Malgrado questo, individuare con facilità dove si trovano le fonti, con i dati e gli indicatori dei principali domini e ambiti di attività culturali, utili alla ricerca di settore o per attuare in modo strategico nuove politiche culturali, è ancora oggi complesso. Con l’obiettivo di colmare questa lacuna, la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali pubblica il volume Come si misura la cultura? Il manuale per navigare tra dati, fonti, indicatori.

Il volume si propone come un guida per orientarsi nella ricerca di fonti con dati e indicatori, una sorta di bussola per orientarsi tra banche dati, siti web, rilevazioni, utile tanto a chi studia i fenomeni della cultura, quanto a chi il patrimonio culturale lo gestisce: operatori culturali, ricercatori, studenti, decisori pubblici, tutti i professionisti del settore.
In undici capitoli, la pubblicazione censisce e scheda le principali fonti ufficiali sui seguenti ambiti: musei, monumenti e aree archeologiche; biblioteche; luoghi e attività dello spettacolo; attività culturali; occupazione culturale; partecipazione culturale; spesa delle famiglie e indice dei prezzi per beni e servizi culturali; spesa pubblica per la cultura; commercio internazionale di beni e servizi culturali; cultura e benessere; turismo culturale.  Per ciascun ambito vengono illustrate le fonti accreditate, definendone obiettivi e contenuti, così come eventuali limiti e aspetti di criticità nella disponibilità di dati utili a descriverne compiutamente i fenomeni.
Una postfazione che offre il quadro di riferimento sui dominii culturali a livello europeo e un’appendice, con indice delle fonti, glossario, riferimenti bibliografici, completano il volume.

Numeri, dati, informazioni che aiutano a conoscere, valutare e dedicere.

Presentato in occasione di LuBec 2022, è da oggi disponibile per la consultazione e il download, la versione preprint di Come si misura la cultura? Il manuale per navigare tra dati, fonti, indicatori.

Sulle statistiche culturali

Con questa iniziativa, la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali contribuisce a un nuovo filone di ricerca – quello delle statistiche culturali – che, grazie alla conoscenza e alla sistematizzazione di dati e informazioni altrimenti dispersi, favorisce nuove letture e possibili nuove strategie di gestione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Per avvicinare gli operatori dei beni e delle attività culturali all’uso degli strumenti quantitativi dell’analisi e della conoscenza, dal 4 luglio 2022 è disponibile il corso multimediale, di nostra produzione, Statistiche per la cultura, a cura di Annalisa Cicerchia, uno strumento formativo pensato per orientare alla scelta dei dati giusti e per sfruttarne le potenzialità.

Inoltre, grazie alla collaborazione fra l’Associazione Economia della Cultura e la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, all’interno di “Compendium of Cultural Policies and Trends” , una piattaforma liberamente consultabile online, con statistiche approfondite e periodicamente aggiornate sulle politiche culturali rilevate a livello nazionale, è stato aggiornato il dossier 2021 relativo al periodo 2016-2020 del  per Italia.