Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

25 Marzo 2021

Spetta al Comandante Alfio Gullotta, del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, aprire il calendario di lezioni frontali e tavoli di lavoro con cui si rinnova, con una edizione on line, l’esperienza dellaInternational School of Culturale Heritage, il nostro programma di aggiornamento professionale dedicato all’incontro tra professionisti stranieri e italiani.

Il Comandante Gullotta è, da ottobre 2016, a capo del Nucleo Formazione e Studio del Comando Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale (CC TPC), dove è responsabile di tutta l’attività formativa del Comando sia in Italia che all’estero. Fa inoltre parte della Task Force “Unite4Heritage” (i cosiddetti “Caschi Blu della Cultura”).

Nella lezione frontale, durante il webinar del 15 marzo, il Comandante ha illustrato a funzionari archeologi provenienti da Egitto, Etiopia, Israele, Giordania, Libano Marocco e Turchia (e da Repubblica Domenicana ed El Salvador, Paesi associati) l’esperienza del Comando dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale: è il primo Nucleo Specializzato di Polizia creato con il solo scopo di contrastare il traffico illecito di beni culturali. La sua struttura e i suoi compiti si sono evoluti nel corso degli anni e i risultati operativi oggi ne dimostrano l’efficacia. Lo strumento in uso più significativo è il “Database delle opere d’arte rubate”, il più nutrito al mondo del suo genere.

Nella tavola rotonda del 25 marzo, partecipata da una selezione di professionisti particolarmente coinvolti sul tema, si continua a parlare di traffico illecito di beni culturali. Il Comandante Gullotta ha potuto approfondire alcuni aspetti trattati nella lezione frontale, portando esempi rilevanti di missioni di cooperazione internazionale condotte dall’Unità. Il tavolo di lavoro ha visto la partecipazione di cinque colleghi provenienti da Marocco, Giordania, Egitto, Turchia, Israele e Libano. L’incontro è stato quindi un’occasione per scambiare punti di vista ed esperienze riguardo a istituzioni e organismi coinvolti nella lotta al traffico illecito di beni culturali nel contesto dei Paesi di provenienza dei partecipanti.