Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di newsletter e dai il tuo consenso informato al trattamento dei tuoi dati per le seguenti finalità

Puoi comunque annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail.

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing e newslettering. Leggi la policy per la privacy di Mailchimp.

22 Aprile 2021

Nell’aula virtuale della International School of Cultural Heritage 2021 si parla anche di futuro, imprevisti e resilienza.

Francesco Sirano e Stefania Siano, rispettivamente direttore e funzionario archeologo del Parco archeologico di Ercolano, insieme ai professionisti dell’Herculaneum Conservation Project Ascanio D’Andrea (data manager) e Paola Pesaresi (architetto restauratore), hanno discusso nella presentazione del 12 aprile con i colleghi stranieri di approcci conservativi, gestionali e partecipativi attuabili in caso di eventuali future carenze di risorse o instabilità istituzionali. Illustrando il caso della collaborazione tra il Parco Archeologico di Ercolano e la Packard Humanities Institute Foundation, noto come Herculaneum Conservation Project (HCP), hanno discusso le diverse caratteristiche tecniche e organizzative che hanno permesso di ottimizzare la gestione delle risorse del sito e la pianificazione e realizzazione di efficaci interventi di conservazione e manutenzione, che hanno di fatto reso il sito più resistente e accessibile al pubblico e alla comunità locale.

Un modello di sicuro interesse per i professionisti provenienti da tutto il Mediterraneo che hanno seguito l’incontro online, in virtù della possibilità di replicare il modello nei loro Paesi di provenienza. Sono tornati a parlarne alcuni partecipanti provenienti da Egitto, Etiopia, Libano e Salvador nella Tavola rotonda del 22 aprile, insieme a Sirano, Pesaresi, D’Andrea e Siano, confrontandosi rispetto alle potenzialità che diverse cornici legislative, tecniche e organizzative comportano nel garantire efficacemente la tutela e la gestione di siti archeologici e patrimonio culturale.

L’incontro è stato arricchito dalle presentazioni di un progetto di mappatura del patrimonio culturale e archeologico della regione Nord del Libano, basato sull’utilizzo della tecnologia GIS e Google Earth Pro; e di un vasto progetto di ridefinizione della “visual identity” del sito archeologico di Luxor, Egitto, in un’ottica di maggiore coinvolgimento della comunità locale.

Approfondimenti

Tutto su
il programma International School of Cultural Heritage

Edizione in corso
International School of Cultural Heritage – edizione 2021 on line
il Calendario: webinar e tavole rotonde

Immagine
Parco archeologico di Ercolano
[Parco archeologico di Ercolano]